Vincere le sfide con la tecnologia

Siamo ormai in piena rivoluzione digitale, possiamo fare quasi tutto semplicemente seduti davanti a un computer o meglio con in mano uno smartphone.

Il problema è che avere la possibilità tecnica non è detto che poi si traduca in azione. Siamo in pieno digital divide, di tipo comportamentale.

Il digital divide, per definizione, è quella condizione in cui ci sono parti di territorio con connessioni veloci e stabili e altre che invece sono raggiunte da connessioni lente a volte del tutto inesistenti, a volte anche in zone di aggregazione produttiva. Chi si trova fuori dalle zone servite in modo efficiente si trova in una situazione di emarginazione digitale.

Esiste però un digital divide dovuto alla mancanza di competenze in ambito digitale, anzi più di competenze si può parlare di abitudini, poiché l’uso di strumenti digitali è ormai alla portata di tutti, e senza dover possedere particolari requisiti.

Qui entrano in campo scelte personali ed aziendali. Siamo tutti d’accordo che vedersi di persona sia la cosa migliore, lavorare insieme anche, il passaparola è un potentissimo strumento di marketing.

Non è invece accettabile pensare di

  • Non investire in qualità di connettività perché percepita come un costo,
  • Credere di poter andare avanti come si è fatto negli anni precedenti
  • La mail basta per comunicare con colleghi, clienti e fornitori
  • Tutta l’operatività di ufficio si può gestire con fogli di Excel e Word
  • Lavorare fuori ufficio è una condizione straordinaria e limitata a computer e telefono
  • Usare l’espresssione “Lo posso fare quando torno in ufficio”

Molto di ciò che era materiale è diventato immateriale, trasferito sui server, nel cloud e gestiti attraverso smartphone, computer sistemi di IoT.

NON PERDERTI I PROSSIMI ARTICOLI, RICEVI LE NEWS

Le aziende che hanno scelto di usare i sistemi immateriali hanno un vantaggio competitivo quando è tutto normale, ma nel momento in cui arriva un’emergenza che si amplifica ancora di più.

Infatti ci sono categorie di persone che possono tranquillamente lavorare esattamente come se fossero in ufficio pur essendo in qualsiasi altro posto, anche chi chiama sul telefono fisso non si accorge della differenza.

Altri invece si trovano del tutto impreparati e corrono ai ripari ma in modo del tutto improvvisato e con risultati a dir poco catastrofici.

Per questo è fondamentale investire in innovazione e dematerializzazione. Non c’è più neanche bisogno di acquistare hardware e software, vista la loro veloce obsolescenza, ma di accedere a piani di noleggio, come illustrato in questo articolo.

Come sempre, siamo a disposizione per aiutare le aziende a crescere sul fronte tecnologico per vincere le sfide del futuro, anche senza il bisogno di emergenze.

Vuoi inserire tecnologia produttiva?

Inserisci i tuoi dati per essere contattato da un nostro esperto.

+39 071 2215111
Lionello Flamini - ERITEL

Lionello Flamini

Marketing Communications