Aumenta il cybercrime, ma ci si può difendere.

La Polizia Postale ha pubblicato il 31 Dicembre scorso il bilancio delle proprie attività incentrate sulla lotta al crimine informatico, pedopornografia, frodi finanziarie e antiterrorismo.

L’uso sempre più massiccio della rete porta inevitabilmente all’aumento dei reati in questo ambito e, la Polizia Postale è l’organo di Stato per la prevenzione e la repressione dei criminali che si avvalgono della rete Internet per portare a frutto le proprie azioni.

Per quanto riguarda il fenomeno delle truffe on-line, esso è in continua crescita e per fortuna c’è ormai una certa sensibilità a denunciare le effrazioni, cosa che in passato non avveniva. Ammettere che la propria azienda sia stata compromessa o truffata si pensava desse la sensazione di debolezza e quindi spesso si evitava. Del resto, la Polizia Postale non diffonde i nominativi di chi segnala di aver subito una violazione.

Questo ha portato alla denuncia di ben 3.355 persone sfociate poi in 39 arresti sequestrando 22.687 spazi virtuali. In totale le segnalazioni di truffe o di quelle tentate sono state 160.000.

Un altro ambito molto importante è quello del crimine finanziario, infatti nel report si legge:

“Con riferimento al financial cybercrime, le sempre più evolute tecniche di hackeraggio, attraverso l’utilizzo di malware inoculati mediante tecniche di phishing, ampliano a dismisura i soggetti attaccati, soprattutto nell’ambito dei rapporti commerciali, anche per l’utilizzo di particolari tecniche di social engineering e di cyber profiling. Infatti lo scopo delle organizzazioni criminali è quello di intromettersi nei rapporti commerciali tra aziende, attraverso le informazioni acquisite, dirottando asset finanziari verso conti correnti nella disponibilità dei malviventi”

In questo articolo, ti ho spiegato come non essere vittima di attacchi informatici non sia una questione di fortuna ma di una azione mirata alla protezione del fenomeno, con apparati e software dedicati oltre che, ovviamente, a una attenta gestione delle attività quotidiane.

Questa problematica è sempre più sentita e la ricerca di sicurezza informatica aziendale sta diventando sempre più importante, il nostro reparto IT infatti ha continue richieste di adeguamento e protezione.

Settori che non fanno parte del nostro lavoro, ma che comunque sono importantissimi per la vita delle persone, sono stati anche essi oggetto del report. Per i dovuti approfondimenti, visto che non è il nostro ambito rimando al link ufficiale che puoi trovare qui.

Se invece fai parte di coloro che intendono far testare la “tenuta” informatica della propria azienda, ti invito a compilare il form che trovi qua sotto per poter parlare direttamente con un esperto. La prima cosa da fare in effetti è capire da quale stato di sicurezza si parte.

Lionello Flamini - ERITEL

Lionello Flamini

Marketing Communications

 Ti chiamiamo noi

Inserisci i tuoi dati per essere contattato da un nostro esperto.

+39 071 2215111